Consigli utili per creare una Newsletter

Hai creato un sito web o un blog e vorresti raggiungere i tuoi utenti in maniera rapida e veloce attraverso una newsletter? Sei nel posto giusto!

Cominciamo col dire che una newsletter è un potente strumento capace di generare traffico sul proprio sito web o blog, ormai sempre più usato per incrementare il proprio business.

Nel dettaglio una newsletter non è altro che un messaggio di posta elettronica, sotto forma testuale o multimediale (con foto e video), che possono contenere aggiornamenti, promozioni, servizi o prodotti, che vengono inviate periodicamente agli utenti che si sono iscritti per avere queste informazioni.

Creare una Newsletter quindi vuol dire creare una connessione con una “lista” dei propri utenti tenendoli sempre aggiornati sulle ultime novità del tuo sito o blog, parliamo quindi di una vera e propria mailing list.

Precisiamo una nota importante, quando un privato invia una newsletter, ci sono delle normative da rispettare, che tutelano la raccolta dell’utilizzo degli indirizzi email, la privacy e il trattamento dei dati personali, ovvero il GDPR (General Data Protection Regulation – Regolamento generale sulla protezione dei dati).

come creare una Newsletter

Mentre prima gli indirizzi email venivano raccolti sul web, senza nessuna regola, in un grande contenitore e poi usato per il proprio business, oggi le aziende, oltre ad adempiere agli obblighi in termini di privacy, suddividono ancora più dettagliatamente la propria mailing list in gruppi e segmenti, per facilitare, diversificare e mirare gli invii, in base agli interessi e le esigenze di ciascun utente.

Naturalmente per gestire una mailing list e creare una newsletter di successo, da come si può immaginare, richiede molto tempo e dedizione, ma per rendere il tutto in maniera semplice e intuitiva, automatizzando questi processi, esistono molte piattaforme sul web, che vengono in nostro soccorso, tra le quali troviamo, giusto per citarne qualcuna: Mailchimp – Mailup – Sendinblue – Mailerlite – Getresponse – Newsletter2Go e tante altre.

Queste piattaforme permettono la gestione di una o più mailing list, a secondo dell’azienda fornitrice (ad es. Mailup o Sendinblue), le quali è possibile suddividerle, come detto in precedenza, in gruppi e segmenti, ma non solo, infatti offrono tantissimi altri vantaggi come:

  • importazione della lista dei contatti tramite file .txt o .csv (excel)
  • la creazione di newsletter con design e grafica personalizzata
  • impostazione degli autoresponder (autorisponditori)
  • la gestione delle normative sulla privacy GDPR
  • le statistiche delle campagne Newsletter (chi ha aperto l’email – chi ha cliccato – cosa ha cliccato – ecc..)
  • l’invio dei test della propria newsletter

la creazione di automazioni attraverso dei workflow (impostare le azioni successive all’iterazione dell’utente, ad es. se ha cliccato su un prodotto, inviare automaticamente, nella prossima newsletter un prodotto o servizio collegato)

  • la configurazione e la personalizzazione di form e pop-up di iscrizione, da integrare nel proprio sito web, per raccogliere nuovi utenti
  • la creazione di una landing page con form di iscrizione
  • la gestione dei disiscritti
  • i doppi indirizzi o indirizzi errati che vengono aggiunti
  • il Bounce, ovvero indirizzi identificati e categorizzati per tipologia di errore
  • Programmazione degli invii

E molte altre analisi…

Ovviamente le piattaforme mettono a disposizione questi diversi servizi a seconda del piano di abbonamento, che variano di solito da un piano Free da quello a pagamento.

Quando prepariamo una newsletter ci accingiamo a creare una cosiddetta “Campagna”.

Una newsletter è caratterizzata da:

  • Un mittente, ovvero chi invia la newsletter
  • L’oggetto della newsletter, come in una normale email
  • Il corpo del messaggio (testo o multimediale)
  • (cosa importante) Dai pulsanti aggiorna preferenze o disiscriviti , ovvero la possibilità all’utente che riceve il messaggio di poter modificare o disiscriversi dalla mailng list.
  • La lista di utenti a cui inviare la newsletter
  • Test dell’invio
  • Invio o Programmazione dell’invio

In conclusione creare una newsletter è molto importante perché consente di avere una connessione diretta con il proprio pubblico, avendo la possibilità di studiarne il comportamento e gli interessi e quindi di incrementarlo e attraverso una strategia mirata, di generare maggiori profitti per il tuo business di successo.

I commenti sono chiusi.