Come organizzare una perfetta vacanza in bicicletta

Organizzare una vacanza e un viaggio in bicicletta è sicuramente entusiasmante, è fondamentale però partire preparati da un punto di vista tecnico e organizzativo per rendere l’esperienza indimenticabile.

Avere un’organizzazione ferrea in questo caso è fondamentale. Non bisogna pensare solo al lato emozionale ma anche a tutto ciò che servirà avere, l’itinerario da preparare, gli strumenti adeguati.

Pianificare un itinerario dettagliato ed evitare brutte sorprese

La prima cosa da fare è creare un itinerario che tenga conto del percorso che si vuole fare e soprattutto quale area è meglio toccare con la bicicletta. Com’è la zona, ci sono dislivelli importanti, strade sterrate. Tutte le tappe devono essere segnate in modo da avere una guida pratica e chiara del viaggio da affrontare. Con un percorso designato, con dettagli sul chilometraggio e la tipologia di strada si eviteranno brutte sorprese.

In base ad una serie di caratteristiche è possibile decidere se partire in solitaria o in un gruppo organizzato. Qualora si scelga di viaggiare in compagnia si può fare affidamento talvolta su percorsi stabiliti, chi viaggia però autogestendosi dovrà fare tutto da sé quindi pensare anche ad eventuali emergenze e a tutto quello che è ideale per la vacanza.

Le tappe andrebbero delineate dai 40 ai 70 km, bisogna sempre considerare delle soste senza avere fretta di arrivare poiché si tratta di una vacanza. Per quanto riguarda la struttura è di fodamentale importanza che sia attrezzata per la custodia della bicicletta, quindi assicuratevi che abbia uno spazio in totale sicurezza dove poterla custodire.

Organizzare alimentazione e pernottamento prima della partenza

Spesso chi viaggia in bicicletta è un amante della natura e questo vuol dire che la soluzione più indicata per il pernottamento sarà proprio in tenda. Prima di prendere una decisione del genere però bisogna opportunamente studiare il meteo ed essere certi che le condizioni in quella zona lo consentano.

Se si viaggia in aree prettamente naturali è fondamentale pianificare un piano B, il meteo può mutare anche all’improvviso e la situazione potrebbe non essere tale da consentire il pernottamento all’aperto. Ci sarà sempre una struttura in loco pronta ad ospitarvi.

Tuttavia per non cadere in errori di prezzo o spese eccessive conviene sempre segnarsi in anticipo quali potrebbero essere le scelte vicine con il miglior rapporto qualità/prezzo. Chi invece viaggia in bici ma vuole comunque dormire in una struttura può optare per un ostello.

Questi dispongono di camerate ideali per fare nuove conoscenze, offrono la colazione e tutti i servizi e sono soprattutto molto economici. Ci sono anche dei campeggi pensati proprio per chi si sposta in bicicletta, questi sono veramente interessanti per fare un’esperienza diversa.

Per affrontare un viaggio in bicicletta bisogna avere un’alimentazione corretta per determinare la giusta riuscita del percorso. Quindi è importante privilegiare la colazione sana e bilanciata ma anche nutriente, un pranzo leggero con carboidrati e una cena proteica con verdure. Non è bene appesantirsi perché questo potrebbe portare a maggiore fatica. È importante partire sempre con snack, acqua e qualche cibo tattico salva appetito.

Allenarsi prima di partire

Per iniziare al meglio un percorso è sempre bene essere allenati. Questo non vuol dire iscriversi in palestra ma considerare comunque che si andrò a fare un’attività fisica impegnativa e che è ideale per il viaggio fare piccoli allenamenti per la tenuta. In questo modo il corpo sarà più preparato allo sforzo fisico e ne risentirete di meno durante il percorso.

Organizzare il bagaglio per la partenza

Uno degli step pre-partenza fondamentali è organizzare il bagaglio da portare in viaggio. Considerando il percorso in bici è bene essere piuttosto essenziali nella scelta. La valutazione per inserire qualcosa in borsa è: questo sarà essenziale durante lo spostamento?

In questo modo dovreste riuscire ad avere un bagaglio ottimale che non superi i 10 kg. In alternativa è possibile comunque acquistare delle sacche da adagiare lateralmente alla bicicletta. Non può mancare un comodo zaino ampio e con molte tasche, in questo modo distribuirete le cose al meglio.

Non può mancare un cellulare che consenta di utilizzare il GPS, il casco (non è obbligatorio ma consigliato), il giubbotto catarifrangente (obbligatorio per il codice italiano), le luci per la sicurezza e un kit di pronto soccorso con tutto l’essenziale.

Abbigliamento

Per quello che riguarda invece l’abbigliamento molto dipende dal tipo di viaggio, dalla zona e dalla temperatura. È chiaro che comunque bisogna scegliere dei capi altamente traspiranti, se è estate pantaloni corti imbottiti e maglie che non facciano sudare anche al caldo.

I guanti devono essere invernali o estivi (non sono interscambiabili), essenziali che siano antiscivolo. L’ideale è sempre vestirsi a strati in modo da poter eliminare qualche capo se risultasse troppo pesante. Portare sempre almeno un paio di pantaloni lunghi anche d’estate poiché di sera potrebbe fare comunque fresco.

Utile una giacca tipo k-way quindi impermeabile ed antivento. Punto fondamentale poi sono le scarpe (meglio non partire mai per un viaggio in bicicletta con delle scarpe nuove e mai indossate).

Borsa da viaggio

L’ideale è uno zaino che sia studiato per il viaggio quindi comodo da avere in spalla. Ce ne sono tantissimi e di tutti i prezzi, è importante però optare per qualcosa che possa essere resistente ma anche garantire l’interno quando c’è pioggia battente. Importante valutare la capienza se si decide di dormire in tenda e si vuole quindi portare tutto l’occorrente per fare campeggio.

Emergenze

Per le emergenze è bene avere un kit di pronto soccorso con poche cose utili: un piccolo disinfettante o delle garze imbevute, cerotti, spray per gli insetti, eventualmente delle farfalline adesive per tagli profondi, collirio. Chi si allontana di molto può comunque optare per un’assicurazione sportiva che copra di tutto dalle spese sanitarie al trasporto fino ad eventuali problemi in loco.

Prima di partire per il viaggio in bicicletta è essenziale essere informati: leggere tutto quello che si può su quella zona, sui siti turistici, le cose imperdibili. Solo una partenza con il giusto grado di informazione permetterà di vivere al meglio l’esperienza.

I commenti sono chiusi.