Cilento, cosa vedere per trascorrere una vacanza indimenticabile

Il Cilento si trova nella zona meridionale della Campania, sospeso tra mari e monti nella provincia di Salerno. L’area, divenuta ormai patrimonio UNESCO, nasconde spiagge segrete, scogliere, borghi di pescatori ed importanti testimonianze archeologiche.

Se state cercando un posto incantevole dove trascorrere le vostre vacanze, continuate la lettura di questo articolo, troverete tantissime informazioni che vi aiuteranno a scoprire cosa vedere in Cilento, facendovi perdutamente innamorare di questa splendida zona.

Dai resti archeologici dei templi e dell’architettura della Magna Grecia, ai paesini rurali che pullulano di pescatori passando per alcune delle spiagge più belle dello stivale e le calette segrete, ecco quali sono le cose da vedere assolutamente durante il vostro soggiorno in Cilento.

Scoprire il Cilento: cosa vedere

Acciaroli e Pollica

Acciaroli è una piccola borgata di mare, luogo estremamente turistico, ricordato per i numerosi soggiorni di Ernest Hemingway, che ispirato da questo posto scrisse il suo capolavoro Il vecchio e il mare. Particolare la chiesa dell’Annunziata eretta nel 1187 che si affaccia direttamente sul mare.

Il paese di Pollica d’altro canto sorge in un luogo molto panoramico: di interesse qui si trova un bellissimo Castello medievale eretto nel 1290 e la cappella di S. Pietro risalente al 1524.

Velia / Elea

Velia/Elea è un importante sito archeologico, fondato verso il 540 a.C. da coloni Focei.

Al tempo dei Greci era denominata Elea, mentre i Romani la ribattezzarono Velia. La città rimase tenace custode delle proprie origini elleniche, continuando a usare la lingua greca anche nell’età imperiale.

Si possono osservare, tra l’altro, i resti delle porte della città (Porta Rosa e Porta Marina), delle terme, dell’acropoli, dell’antico centro città e del santuario di Poseidone.

Paestum

Vicino al litorale, nel cuore della Piana del Sele, è possibile raggiungere uno dei più importanti complessi monumentali della Magna Grecia. In questa valle sorgono tre i templi ancora ben conservati: il Tempio di Nettuno, il Tempio di Athena e la Basilica, il tempio dedicato ad Hera.

Passeggiare in mezzo a queste meraviglie dell’antichità è una cosa assolutamente da fare nel Cilento, vi lascerà letteralmente senza parole.
Una tappa assolutamente immancabile di un viaggio, se pur breve, in Cilento.

Roscigno, il paese ormai deserto

Si tratta di un piccolo borgo abbandonato a causa delle ripetute frane. Già agli inizi del 900 il centro storico iniziò il suo processo di desertificazione. Al giorno d’oggi nel paese vive un solo abitante, una sorta di custode del paese che trascorre le giornate per le vie deserte del paese, in attesa di qualche curioso visitatore a cui raccontare l’antica storia di Roscigno.

Palinuro

La zona di Capo Palinuro è uno dei posti più incredibili del litorale cilentino. Il capo stretto e lungo è un labirinto di grotte marine, con cale bianche e spiagge bellissime. Una delle più belle è la spiaggia del buon dormire che prende il nome da Palinuro, il timoniere di Ulisse, che secondo la leggenda cadde in mare e come un naufrago arrivò inerme proprio su questa spiaggia.
Le spettacolari spiagge, le acque cristalline di Punta Licosa sono destinata inoltre a restare per sempre nel cuore dei visitatori.
Se sei amante dei percorsi naturalistici a Palinuro puoi percorrere tantissimi sentieri, tra cui Sentiero della Primula, di circa quindici chilometri. Questa tratta attraversa quasi tutto il promontorio, regalando ai più audaci non solo una vista indimenticabile sul mare ma anche diversi luoghi suggestivi ricchi di boschi e fiumi. Una vera perla del mediterraneo.

Per concludere

Se siete arrivati fin qui con la lettura, ormai vi sarete decisi a prenotare il vostro viaggio alla scoperta del Cilento. Tenete a mente che sarete voi a decidere cosa visitare del Cilento, ma in ogni caso avrete la certezza di visitare luoghi indimenticabili che vi faranno passare un estate da sogno grazie all’accoglienza tipica del sud Italia, del sole del mare e della buona cucina.

I commenti sono chiusi.