26/09/2022
Cos’è l’invalidità civile e quali agevolazioni sono previste

Cos’è l’invalidità civile e quali agevolazioni sono previste

Già da diverso tempo nella nostra democrazia si è affermato il principio della protezione e della tutela dei cittadini che sono afflitti da limiti fisici o psichici. Si tratta di tutti quelli che sono inclusi all’interno della categoria dei cosiddetti invalidi civili. Per poter usufruire dei diritti che spettano agli individui disabili è necessario ottenere un apposito riconoscimento della propria condizione invalidante. Il riconoscimento dell’invalidità civile implica il fatto di essere affetti da un disturbo fisico, psichico o sensoriale che provoca un danno funzionale, ovvero la limitazione di cui si soffre nello svolgimento di un’attività quotidiana che i normodotati invece non hanno difficoltà a portare a termine.

Invalidi civili: chi sono

Gli invalidi civili sono tutti quegli individui affetti da minorazioni, congenite o acquisite, anche di tipo progressivo, tra cui insufficienze mentali dovute a difetti sensoriali e funzionali che hanno portato ad una riduzione permanente della capacità lavorativa di almeno un terzo oppure con difficoltà nello svolgimento di compiti e funzioni che di solito vengono svolti senza problemi dai normodotati.

Il grado minimo di riduzione, per poter essere considerato invalido civile, è fissato al 33%, secondo una specifica tabella elaborata dal Ministero della Sanità. Coloro che fanno parte della categoria degli invalidi civili nel dettaglio sono:

  • cittadini di età compresa tra i 18 e i 65 anni che soffrono di minorazioni congenite o acquisite;
  • i minori di 18 anni che hanno difficoltà persistenti nello svolgimento di funzioni e compiti che sono propri della loro età;
  • cittadini over 65 che hanno difficoltà a svolgere funzioni tipiche della loro età; gli over 65 vengono considerati invalidi civili al fine di poter ottenere l’assistenza socio-sanitaria e un’indennità di accompagnamento;
  • ciechi;
  • sordi affetti da sordità congenita o acquisita durante l’età evolutiva (fino a 12 anni) o con una soglia uditiva di ipoacusia di almeno 75 decibel.

Non sono considerati invalidi civili gli invalidi di guerra e gli invalidi di lavoro (per i lavoratori del settore pubblico) e quelli di servizio (per i dipendenti del settore pubblico).

Agevolazioni per invalidi civili: i prestiti

Viste le difficoltà che gli invalidi civili devono affrontare ogni giorno a livello fisico e psicologico, molti creditori oggi mettono a disposizione delle soluzioni di credito che sono pensate appositamente per le persone che fanno parte di queste categorie di individui. Se gli invalidi civili hanno un contratto di lavoro regolare, possono fare richiesta di un finanziamento attraverso il classico rimborso della cessione del quinto. Si tratta della migliore soluzione di prestito per gli invalidi civili, tra cui anche quelli protestati e cattivi pagatori.

 La cessione del quinto presuppone infatti per il debitore il possesso di una garanzia sufficiente da dimostrare di fronte ad un istituto di credito per dimostrare il fatto di percepire un reddito fisso e certificato.

Occorre infatti notare come la quota di pensione di invalidità percepita da questi soggetti non può essere considerata come la principale forma di reddito da presentare come garanzia davanti ai creditori, ma occorre dimostrare altri tipi di redditi. Il finanziamento con cessione del quinto non può superare il 20% mensile dell’ammontare netto del cedolino della pensione, ovvero un quinto del totale, e può avere una durata del rimborso che va da 24 a 120 mesi. Se gli invalidi civili sono pensionati, spesso sono previsti anche limiti di età: di solito il massimo possibile è di 89 anni al termine del finanziamento.

Agevolazioni INPS per invalidi civili

Oggi l’INPS mette a disposizione di tutti invalidi civili anche delle agevolazioni economiche a favore di tutti coloro che hanno una certificata invalidità civile. Coloro che hanno particolari bisogni possono godere di particolari servizi messi a disposizione dall’ente pensionistico che permettono in forma gratuita di accedere a determinati servizi accessori che migliorano la loro vita e tutelano la loro salute e il loro benessere. Visti i vantaggi di queste agevolazioni, sono molti gli invalidi civili che oggi fanno richiesta delle agevolazioni messe a disposizione dall’INPS.