Investire a Dubai: come aprire una società?

Come è previsto in ogni paese del mondo, anche per aprire una società a Dubai è indispensabile affrontare un iter burocratico ben delineato, in modo tale da non avere problemi in futuro. Negli ultimi anni, Dubai si è trasformata in una meta particolarmente ammaliante, in particolar modo per tutte quelle persone che hanno intenzione di lanciarsi in una nuova attività imprenditoriale, cambiando così radicalmente la propria vita. Chi desidera avviare un business a Dubai, come prima cosa deve conoscere tutti i passaggi fiscali, avvalendosi anche dell’aiuto di esperti nel settore. Facciamo chiarezza su quali requisti bisogna possedere per poter aprire una attività a Dubai.

Il primo requisito fondamentale e inderogabile per aprire una società a Dubai è l’ottenimento di una specifica licenza. Esistono ben tre tipi di licenze che possono essere richieste. Esse sono:

  • ad utilizzo commerciale: per chi vuole aprire un’attività commerciale;
  • ad utilizzo industriale: per chi intraprende un’attività in ambito industrial o manifatturiero;
  • ad uso professionale: per chi intende avviare un’attività da lavoratore autonomo (c.d libero professionista).

Chi vuole ottenere una licenza dovrà inoltrare una richiesta al Dubai Department of Economic Development. Coloro che invece scelgono di aprire un’attività a Dubai legata al turismo, allora dovranno inoltrare la richiesta di ottenimento della licenza presso il Department of Tourism and Commerce Marketing.
Però, per svolgere alcuni lavori l’ottenimento della licenza non è sufficiente; infatti, oltre a quest’ultima, è obbligatorio richiedere un nullaosta apposito, il quale viene rilasciato da enti accreditati come il Ministero dell’Economia e altri. Per qualsiasi tipologia di attività intrapresa, bisogna obbligatoriamente iscriversi presso la Camera di Commercio di Dubai.

Quali requisiti deve avere una società che apre a Dubai?

La costituzione di una società a Dubai viene disciplinata dalla legge federale 13/1988, la quale chiarisce che le società ammesse sono:

  • “General Partnership”;
  • “Limited Partnership”;
  • “Joint Participation”;
  • “Public Joint Stock Company”;
  • “Private Joint Stock Company”;
  • “Partnership Limited with Share”;
  • “Limited Liability Company”.

I requisiti richiesti per avviare queste società non differiscono molto da quelli richiesti in Italia o in altri paesi; chiaramente ogni tipo di società presenta requisti differenti. La legge, inoltre, consente ad ogni nuovo investitore che vuole aprire una attività a Dubai di scegliere se stabilirsi nel Mainland o nelle Free Zones.

Investire nel Mainland o nelle Free Zones di Dubai: ecco le differenze

All’interno dei Mainland ci sono delle zone specifiche che consentono di aprire una attività a Dubai. Le zone in questione sono:

  • Business Bay: centro di Dubai, dove sono presenti hotel e grattacieli fastosi;
  • Sheikh Zayed Road: cuore della finanza di Dubai, qui trovano sede molte società finanziarie;
  • Deira: si tratta della zona più antica della città, area che nonostante tutto risulta ancora oggi particolarmente interessante per chi decide di avviare un’attività.

Per la costituzione di una società a Dubai è prevista l’applicazione di imposte dirette, come ad esempio l’IVA (5%). Per avviare regolarmente una società è necessario che il 51% di essa appartenga ad un soggetto residente negli emirati, invece la restante percentuale può tranquillamente essere in possesso di un cittadino straniero.

Adesso chiariamo come aprire una attività a Dubai nelle Free Zones.

La costituzione di una società a Dubai in queste zone consente di godere di una legislazione particolarmente agevolata, pensata proprio per i cittadini stranieri che hanno intenzione di investire a Dubai (vedi come fare https://danielepescaraconsultancy.com/investire-a-dubai/). Le possibilità prospettate sono:

  • aprire come “Free Zone Establishment (FZE)“, in caso di socio unico;
  • aprire come “Free Zone Company“, se la società è composta da più soci. Questa forma, inoltre, viene utilizzata anche da coloro che spostano una società da un paese straniero a Dubai.

I commenti sono chiusi.