I teatri di Napoli: un mondo di cultura da scoprire

Eduardo De Filippo definì Napoli come “un teatro a cielo aperto”, grazie ai suoi volti, i vicoli e perché no, i suoi stereotipi più buffi. L’amica geniale di Elena Ferrante ha trasportato i lettori in un mondo magico, una Napoli affascinante, facendo il boom di ascolti in tv grazie alla mini serie di Saverio Costanzo. La magia del suo centro storico, il più grande d’Europa, è infatti anche negli scorci della serie “Gomorra”, “I Bastardi di Pizzofalcone” di De Giovanni, il film “Napoli Velata” di Ferzan Özpetek, “Ammore e malavita” dei Manetti Bros, “Passione” di John Turturro, nei cartoni animati “L’arte della Felicità” e “La gatta Cenerentola” e nei video virali dei tantissimi gruppi di youtubers napoletani, fra i quali potremmo citare i più famosi, come i The Jackal e Casa Surace.

Il San Carlo, il teatro più bello del mondo

In pochi troppo spesso non ricordano, o fanno finta di non ricordare, che a Napoli c’è il Teatro San Carlo, il primo teatro d’Opera italiano costruito nel 1737 per volontà del Re Carlo di Borbone. A detta di molte autorevoli classifiche internazionali, il più bello del mondo. Qui si esibì anche un piccolo elefante e ogni regnante passato per l’Italia ha bramato di assistere a un’opera dal vivo. I primati del San Carlo non guardano poi solo al passato: proprio nel 2020, per combattere l’emergenza coronavirus che ha fatto inginocchiare il mondo intero, ha realizzato il primo concerto in diretta streaming d’Italia, dimostrandosi un’istituzione straordinaria non solo per storia, ma anche per visioni d’impresa moderne. 

Oro, simbologie e storie affascinanti si celano dentro alle mura del teatro poco distante da piazza del Plebiscito. Come ricorda www.storienapoli.it, a pochi passi da qui si può degustare dall’Acquafrescaio in Piazza Trieste e Trento un fantastico sarchiapone durante la pausa o alla fine di uno spettacolo, giusto per non farsi mancare nulla e chiudere un’esperienza divina, fra un’opera suggestiva e bontà da mangiare.

Gli altri teatri di Napoli

Napoli è una città che pullula di arte e conoscenza. Infatti non lontano dal San Carlo c’è il teatro Augusteo, nella centralissima via Toledo, tra negozi e turisti. Questo teatro offre una vasta gamma di spettacoli, frequentato soprattutto da chi ama i musical. Un altro sipario nelle vicinanze è il teatro Bellini, sede di spettacoli ricchi e entusiasmanti e, come recita un vecchio detto: «’O San Carlo p’ ‘a grandezza, ‘o Bellini p’ ‘a bbellezza» («Il San Carlo per la grandezza, il Bellini per la bellezza»).

Ancora nel cuore del centro troviamo il teatro Trianon e San Ferdinando, uno dei più antichi della città. Potremmo anche elencare il Teatro Diana, storica istituzione nel quartiere collinare del Vomero, o il Teatro Cilea, nato negli anni ’60 del secolo scorso, ma non meno importante per prestigio.

Ma a chiudere questo piccolo tour dei teatri napoletani ci pensa il Teatro Mercadante, dove si esibirono Cimarosa, Rossini e Donizetti: mica poco!

I commenti sono chiusi.