Come scegliere le inferriate per finestre

Se la vostra abitazione si trova ai piani più bassi di un edificio e volete aumentare la sicurezza o avete subito un furto e volete evitare future effrazioni, la scelta più idonea da prendere è quella di installare delle inferriate alle finestre. Oltre ai sistemi di allarme e video sorveglianza, le inferriate rappresentano una vera e propria barriera che protegge la vostra casa.

Il tipo di inferriata con cui si può equipaggiare la finestra cambia a seconda della posizione di quest’ultima:

  • Per quelle situate nel piano terra è consigliabile sceglierle fisse che sono più sicure e resistenti;
  • Per quelle ai piani superiori, in cui il percorso che dovrebbero percorrere i malintenzionati è più difficoltoso, si può modulare la scelta in base ai diversi punti di accesso.

Il prezzo subisce variazioni in base al materiale, alla tipologia e alle dimensioni. Negli ultimi anni sono state realizzate in materiali resistenti e sicuri a un costo moderato.

  1. Tipologia di inferriate
  2. Costi di montaggio
  3. Inferriate moderne
  4. Curiosità

Tipologia di inferriate

Come detto prima, le grate di sicurezza sono la prima difesa fisica per i ladri in quanto bloccano il passaggio. Insieme ai sistemi di allarme, di video sorveglianza, ai rilevatori di movimento e alla porta blindata dotata di serratura con il cilindro europeo, costituiscono l’equipaggiamento perfetto per tenere in sicurezza la propria casa o il proprio ufficio.

Grazie alle moderne tecniche di montaggio, oltre alle classiche inferriate fisse, è possibile scegliere altre tipologie:

  • apribili, possono essere aperte come le imposte;
  • scorrevoli o estendibili, da preferire quando si dispone di piccoli ambienti, sono dotate di cuscinetti a sfera, che consentono loro di scivolare sui binari, e di chiusure con catenacci;
  • a scomparsa, anche queste sono ideali per piccoli spazi e sono meno invasive dal punto di vista estetico, infatti scompaiono nella parete, ma sono meno sicure rispetto alle altre;
  • a fisarmonica, utilizzate prevalentemente per l’accesso a terrazze e giardini e come suggerisce il nome presentano delle ante piegabili.

Quelle fisse sono più adatte per le finestre che fungono da punto luce perché non possono essere aperte.

Costi di montaggio

Sicuramente decidere di montare le grate risulta molto più economico rispetto a altre alternative.

Se per esempio installare una porta blindata richiede una spesa di più di mille euro, ricorrere a delle inferriate apribili dimezza il costo che si aggirerà intorno ai 600 euro al metro quadro.

Se questo può risultare più economico per proteggere una sola apertura, diverso è se occorre metterle in tutte le imposte dell’immobile. In questo caso è meglio optare per tipologie diverse a seconda dell’esigenza. Per quelle fisse il prezzo si aggira intorno ai 200 euro per metro quadro, in quanto il tempo di montaggio è minore, per quelle scorrevoli il costo sale intorno ai 700 euro al metro quadro, per il lungo lavoro di manodopera richiesto.

Si deve anche tenere conto del materiale in cui vengono realizzate: quelle in ferro normalmente hanno un costo di 300 euro, in acciaio vanno oltre i 700 euro.

Inferriate moderne

Uno dei contro nell’installazione delle inferriate è probabilmente dovuto all’estetica dell’edificio. Nell’immaginario collettivo queste sbarre alle finestre indicano un senso di chiusura e danno all’immobile un aspetto antico.

Per fortuna questo problema è facilmente arginabile, infatti, vi sono delle soluzioni che vanno incontro ai gusti estetici giocando con forme, scelta del materiale e colori.

Il suggerimento è di rivolgersi a degli esperti che troveranno la soluzione adatta per voi tenendo conto sia della sicurezza – che resta la priorità assoluta – sia di non imbruttire il prospetto della casa.

Curiosità

Sulle inferriate è possibile installare delle zanzariere. Esistono quelle magnetiche, di facilissima applicazione, che presentano un perimetro calamitato che si va a inserire all’interno della grata, o quelle integrate, montate direttamente nella struttura.

Se si abita in un condominio non è necessario avere l’approvazione dell’amministratore e dell’assemblea per l’installazione, poiché rappresentano dispositivi volti alla sicurezza. Si raccomanda, però, di rispettare il colore della facciata.

I commenti sono chiusi.